Home > Roulette essen alte post

Roulette essen alte post

Roulette essen alte post

Partiamo dicendo che usciamo da qualche stagione davvero difficile per lo snowboard soprattutto per il mercato italiano; i brand hanno letteralmente tagliato i budget media e marketing, mettendo in atto una severa pulizia di chi lavorava nella comunicazione del settore. Da questa crisi mentre molti scappavano a gambe levate, noi abbiamo saputo trovare lo stimolo per rafforzarci e crescere; i nostri prodotti sono stati tutti mantenuti: In più abbiamo tradotto in lingua Inglese i nostri prodotti e siamo entrati nella scena europea, dalla quale stiamo ricevendo ottimi feedback.

Quindi ora, sempre in punta dei piedi e con massimo rispetto per tutti, vogliamo creare il primo Sequence Movie: Che feedback hai avuto dalla scena e dai brand? I rider fino ad ora contattati sono più che entusiasti, ora che hanno chi si occupa delle riprese e possono concentrarsi solamente sul riding e gli spot. Ho contattato diversi filmer con cui lavoreremo durante questa epica stagione. Approfitto per ringraziarli: Ma non abbiamo precluso nessuno: Quindi quando si parte? E ora ci stiamo spostando a Laax. Ok andiamo a parlare più nello specifico del progetto.

Vogliamo fare cose semplici, senza troppa filosofia. Il nostro obbiettivo è realizzare uno snowboard movie, dove quello che conta è il riding, non storie di vita. Ogni rider avrà la sua part più o meno lunga a seconda del materiale realizzato e dalla qualità: Altro da aggiungere? A presto! Brotherhood è un piccolo collettivo di amici accomunati da una passione, lo snowboard. Quello che vogliamo fare in poche parole è realizzare un prodotto che rispecchi il nostro punto di vista da filmer - fotografi. Questo progetto è nato due anni fa con il primo capitolo ambientato in Paganella.

Dopo quella prima esperienza abbiamo capito che Brotherhood non era finito ma che invece doveva continuare e migliorarsi ulteriormente. Ovvero raccontare tre giorni di shooting isolati dal mondo pur ri-. Per dormire e mangiare saremmo rimasti sempre in quota in rifugio tutti assieme. Jimmy Zanetti è stato il nostro uomo sul campo, e grazie anche a lui siamo riusciti organizzarci tra shapers, rider, e società impianti. Il primo giorno di session è partito non proprio benissimo a causa del tempo. Con la neve poco stabile primaverile, pochi gradi di differenza cambiano drasticamente la velocità e la sensazione, per i rider diventa quindi pericoloso saltare su strutture grandi senza avere.

Dopo una notte passata in rifugio tutti assieme, la vista dei raggi del sole che entravano dalla finestra e illuminavano la stanza, ci ha fatto alzare tutti col sorriso. Nella prima giornata zero vento ma tanta neve e nebbia, nella seconda cielo terso ma raffiche di vento incessanti. A quel punto e dopo aver superato mezza giornata la paura di non riuscire a saltare stava diventando sempre più concreta. Vedere gli sforzi di tutti vanificarsi a causa del meteo, ci sembrava un ingiustizia che non ci meritavamo.

Verso le 5 del pomeriggio, dopo che eravamo andati a ripararci in rifugio e a mangiare qualche cosa, abbiamo deciso di non arrenderci e ci siamo auto-convinti che il vento era calato e che sarebbe calato ulteriormente nelle ore successive. Carichi a mille siamo partiti dal rifugio con le motoslitte stra-colme di tutta la nostra attrezzatura, e come in una scena del film Mad Max, siamo arrivati ululando ai piedi del kicker. Abbiamo preparato subito il nostro set e i rider hanno iniziato a scaldarsi e a togliersi le ragnatele dagli scarponi, pronti per dar via alla. Il vento?

Beh, ovviamente il vento non era calato e le condizioni erano ancora precarie, ma secondo noi era solo questione di tempo e la session sarebbe iniziata. Verso le sei e mezza del pomeriggio il vento ha iniziato a soffiare a intermittenza, lasciandoci finestre senza vento che ci hanno dato ulteriore carica. La luce era perfetta, il vento aveva deciso di farci un regalo e ci concesse due ore di session pazzesche come non le vivevo da moltissimi anni. The Secret Session racconta una storia perfetta, fatta da una sfida trasformata in realtà, racconta delle difficoltà che ti fanno venire voglia di mollare, racconta della caparbietà nella voglia di lottare e di riuscire a vincere nonostante tutto.

Poter raccontare tutto questo in pochi minuti è stato il nostro scopo perché è il lato che vogliamo rappresentare dello snowboard. Un doveroso ringraziamento va a tutte quelle persone che hanno reso possibile la realizzazione di questa nostra storia: E ovviamente a Brandon, Jampi e Me. Sarà la numero 1 anche tra un mese alle Olimpiadi? Molto probabilmente.

Ecco quello che ci ha detto. Come ti senti per questa stagione? Per me lo snowboard viene ancora al numero uno e fino a quando sono brava in questo non presto troppa attenzione a quello che viene detto di me. È la prima volta che premiano una snowboarder, ed è bello che abbiano scelto proprio me. Non so in realtà. Ogni volta che vedo le ragazze nei contest ci sono miglioramenti continui. È figo essere parte di un progresso del genere. Abbiamo le Alpi, delle ottime resort e park perfetti. Spero con i miei risultati di motivare le nostre ragazze a iniziare ad andare in tavola. Ti alleni ancora molto con i ragazzi?

Ultimamente il livello femminile è cresciuto molto. Le ragazze che erano meglio di me mi hanno aiutato a migliorare e ora le ragazze più giovani fanno lo stesso. Spingendo sempre più il tuo livello agli estremi, non hai paura a volte? È questione di quanto ti alleni a farli, e di quante volte li fai e su quali salti li vai a provare, quanto sono sicuri. Beh penso di provare a fare quello che ho fatto la scorsa stagione, continuando a fare del mio meglio.

Devo concentrarmi solo su me stessa ed evitare che i media mi portino via. Ci pensi ancora a quei famosi punti? E chiuderlo proprio ai mondiali è stata una cosa pazzesca. Penso di aver rivisto il video un centinaio di volte. Cosa fai nel tuo tempo libero? Penso di fare quello che fanno le altre ragazze normali. Cerco di passare del tempo con la mia famiglia e i miei amici, fare altri sport. Quando non sono in tavola mi piace stare comunque su una tavola, tipo wakesurfing.

Nel video mia sorella mi sorregge e io faccio dei trick su di lei. Abbiamo fatto dei video per YouTube e sembra che alla gente piacciano. Non so, è difficile dirlo non ho ancora pianificato nulla perchè vorrei semplicemente andare avanti a fare quello che amo: Dopodichè vorrei stare in questo ambiente, fare qualcosa legato allo snowboard in Austria, ma non ho proprio dei piani fissi ora come ora.

Negli ultimi anni, dopo tre decenni di dittatura del twin-tip shape che perdurava dalla sua comparsa nei primi anni 90, diversi brand hanno cominciato a riproporre outlines quantomeno originali. I nose appuntiti e allungati, le code corte e tagliate o a coda di rondine, il setback degli attacchi visibilmente arretrato erano tutte caratteristiche funzionali allo scopo: Lo Snurfer di Sherman Popper o le più recenti prime tavole con lamine e soletta in P-Tex non presentavano neppure la sciancratura, caratteristica essenziale per una facile conduzione della tavola: Non stiamo facendo un processo agli shape classici, che rimangono insostituibili per determinate discipline che vanno dal park riding al freeride tecnico passando per lo street, slopestyle e halfpipe.

Il risultato è stato che per diversi anni, il rocker è stato interdetto come fosse il Decameron Di Boccaccio. La verità è che impiegato su tavole più consone come quelle da freeride o jibbing, il ponte inverso è una soluzione che presenta benefici assolutamente notevoli. Ora che ci si è risvegliati dal torpore ed è venuta avanti la necessità di riscoprire le origini dello snowboarding nei suoi gesti più elementari, questi shapes che hanno visto la nascita dello sliding sideway sono tornati in auge. A ruota potremmo nominare la crew americana degli Yawgoons, che avendo. Non possiamo infine non citare Wolle Nyvelt ed il suo Powsurf Äsmo, che ha letteralmente scatenato una febbre legata a questo originale snowboard surf senza attacchi.

K2 già da qualche anno sta promuovendo ed evolvendo tavole basate sul Volume Shift: Questo fenomeno di nicchia ha dato vita ad una vera e propria rivoluzione del carving, ora non più additato come passatempo per austriaci con la febbre da eurocarve. Company come Korua, nata in tempi non. Altre company storiche come Nidecker hanno rispolverato tutta la loro esperienza nelle tavole da performance e hanno immesso sul mercato tavole specifiche per chi vuole la velocità. Il valore del prodotto artigianale si è finalmente rivalutato e anche in Italia non è passata inosservata la nascita di nuovi brand con la ferma intenzione di fare della qualità un marchio, con un successo che ha varcato i confini del Bel Paese: Sandy Shapes è un esempio di come si possa conquistare il proprio posto tra i grandi, se si hanno idee originali.

Arriverà un giorno in un cui il freecarving diventerà a sua volta una disciplina olimpica? Se passa la proposta di includere il gaming, ci potrebbe stare: In conclusione questo articolo non voleva essere un compendio tecnico su come e perché si costruiscono tavole come si facevano 30 anni fa, ma un semplice spunto di riflessione sul fatto che tutto è ciclico — come i pantaloni a zampa — e che lo snowboarding è bello perché è vario e ci sono centinaia di modi di viverlo e interpretarlo, senza la necessità di schierarsi con il partito dei pantaloni risvoltati sopra i boots o con quello delle tute in triacetato.

Il problema con la Russia è che non solo è difficile arrivarci, ma a volte è altrettanto difficile andarsene. Quasi dieci anni fa a Sochi, prima che il villaggio diventasse una grande città olimpica, poi di nuovo una città quasi fantasma, una crew non aveva potuto cambiare il proprio volo di ritorno a causa di un problema con la carta e con la stampante. Al tempo del mio primo viaggio avevo anche sentito che la compagnia Aeroflot aveva conosciuto le sue ore di gloria in termini di incidenti. La storia più assurda è quella di un pilota che fece provare a suo figlio pilotare il suo aereo perché voleva guidare un vero Airbus!

Beh, i suoi desideri erano stati anche esauditi, anche se poi si schiantarono al suolo Tipo il fragoroso applauso di quando finalmente arrivammo a destinazione, a Mosca. Avremo il nostro bagaglio in tempo? Molte domande esistenziali mi si frullano in testa durante questi momenti cruciali. In breve, per andare in Russia ci sono molti passaggi, per quanto contraddittori, ma con i soldi ci si intende meglio, non è vero?

Intanto per cominciare si deve ottenere un invito. Ma un invito da chi? Se sei un semplice turista che vuole visitare i resti sovietici, a chi puoi chiedere? Ma la fortuna ci sorride, perchè un sacco di agenzie di viaggio ci possono aiutare, noi turisti senza donne o senza amici russi, creandoci un falso invito, convalidato naturalmente dalle autorità russe.

Facile, un piccolo invito per ottenere il visto ed eccoci in Russia! Poi ci sono ancora dei questionari pieni di domande molto indiscrete perché per loro è comunque molto importante sapere se si è Ora Mosca potrebbe sembrare un mix di quartieri di Manhattan, Brooklyn e Queens, con una variegata diversità culturale. State tranquilli, di solito non controllano nessuno dei due, ma perlomeno lo sanno. Poi, naturalmente, se siamo considerati in salute, possiamo ottenere un visto per una somma di denaro piuttosto grossa. La cosa bella di tutto questo è che perlomeno non si perde tempo ai controlli doganali in aeroporto, e non si deve rispondere a una serie di domande che sono altrettanto indiscrete dopo un lungo viaggio.

Ci accontentiamo solo di uno sguardo freddo, un timbro e un altro sguardo freddo. Anzi no, mi dispiace Bisogna stare attenti, eh! Una volta in Russia e più precisamente a Mosca, tutto diventa molto più facile, se ovviamente non avete fretta. Devo dire che il paese si è mosso nella giusta direzione dalla mia ultima visita otto anni fa. Un paradiso per lo skateboard! Tuttavia, non appena esci dalla città, la povertà si sente di più, gli edifici sono più fatiscenti e la vita sembra molto più difficile. Le condizioni sono piuttosto rigide in inverno ed è. Più mi rileggo e più mi deprimo. Ci devono essere comunque dei punti positivi! Ecco un buon punto! Per la prima volta nella nostra vita, ci siamo trovati di fronte a un razzismo quasi standardizzato, dove ci è stato detto più volte al giorno di andare a casa perchè non avevamo niente da fare in Russia!

Mentre invece posso dire che avevamo un sacco di snowboard da fare considerando il numero di spot! È stato anche molto efficace quando ha permesso a tutti di non finire in prigione e chissà, forse anche in un Gulag, a mangiare zuppa con Mi sento davvero un privilegiato. Ogni volta che vado in Russia, incontro il mio amico Vladimir. E successe esattamente di nuovo. A Vlad piace decisamente molto lo snowboard! Era molto strano perché eravamo gli unici a partecipare a. Poi le luci si avvicinarono ad alta velocità, e potemmo distinguere quattro grandi Hummer neri con un sacco di motociclisti, seguiti da una grande limousine 4x4 con bandiera russa, seguita da altri quattro grandi hummer neri con una moltitudine di motociclisti!

Immagino che Vlad ci abbia salutati con un bicchiere di champagne in mano. Aveva aspettato pazientemente che Vlad lasciasse il Cremlino per fare una passeggiata. Molti spazi culturali, caffè, piccoli ristoranti stanno iniziando a moltiplicarsi ovunque, dove la pesante eredità sovietica sta lentamente svanendo. Grazie Madre Russia per il divertimento! Qual è stato il rider che ti ha fatto emozionare durante le riprese di DFC? JJ Rayward, di sicuro! Mi ricordo che mi disse, nel primo spot che abbiamo fatto ad Andorra, che avrebbe fatto un Back Blunt Ho visto il Back Blunt più figo della mia vita, perfettamente eseguito — ha cambiato per sempre il modo in cui ora vedo lo snowboard.

JJ ha perfezionato il suo stile e lo ringrazio per avermi aperto gli occhi. La tua crew è piuttosto ristretta, ma qua e là sono saltati fuori alcuni nomi nuovi. Chi è stato un buon acquisto per Rusty Toothbrush? Una vera leggenda di questo sport, ha apportato a tutta la crew un atteggiamento tranquillo e calmo che non sapevamo nemmeno mancasse. E chi è il più difficile da gestire mentre si shootta?

Avete fatto la premiere in SLC e il leggendario E-Stone era il tuo ospite; cosa dobbiamo aspettarci per il prossimo film di Rusty Toothbrush? Qual è stata la situazione più strana in cui ti ritrovi coinvolto durante i lunghi viaggi per ottenere il DFC? Direi quando ho rotto il Ciao Alex, il tuo ultimo mini-film Geisterfarher è stato davvero bello e più in generale tutti i film che hai fatto con Atagge sono originali. Cosa ti ha ispirato e qual è il messaggio che vuoi mandare? Grazie mille per le belle parole! Da parte mia prendo molta ispirazione dal mondo esterno dallo snowboard in generale, direi soprattutto dal cinema, dalla letteratura e dalla musica.

Ma a me sta bene! Abbiamo trascorso tre giorni lassù e penso che quelli siano stati alcuni dei giorni più straordinari che ho fatto su una tavola da snowboard, con le persone giuste, nel bel mezzo del nulla e abbiamo anche visto un tramonto bellissimo sul treno mentre scendevamo a valle. Come scegli i rider per il progetto Atagge? Prima di tutto dovrebbe esserci già un certo feeling tra di noi.

Se stai per essere in viaggio per un paio di settimane, vuoi avere persone interessanti e motivate intorno a te. Tutto il resto viene naturalmente. E il rider più problematico da gestire durante le riprese? Nessuno dei nostri rider è problematico! Qual è stato il trick che ti ha lasciato senza parole durante le riprese della scorsa stagione?

Sicuramente i Bs 1 di Domdom su quel rail knobbed. Quei knobs erano grandi come palle da tennis. Per me il trick più impressionante di quel trip. Cosa dovremmo aspettarci da Atagge nel ? Le cose stanno prendendo piede. Stiamo per iniziare le riprese del sequel di Geisterfahrer. Vedremo dove ci porterà! Raccontaci la situazione più strana in cui ti sei ritrovato durante la fase delle riprese della scorsa stagione. Siamo arrivati in Ciao Benno, quindi il migliore di Innsbrooklyns sarà il decimo di Sane Movie. Cosa significa esattamente per te e per la tua crew?

Oh man Ad essere onesti abbiamo avuto un sacco di alti e bassi. Ma siamo super entusiasti del fatto che siamo sopravvissuti per più di 10 anni insieme e che siamo ancora uguali a noi stessi: Raccontaci la situazione più strana in cui ti sei trovato coinvolto durante le riprese La situazione più strana è stata sicuramente una volta che siamo usciti a girare con il winch. Funzionava perfettamente, quindi eravamo pronti per partire. Una volta raggiunto lo spot, abbiamo iniziato a spalare e a settare tutto. Tutti erano super entusiasti di iniziare e spaccare.

Ma una volta che abbiamo provato a far partire il winch non funzionava Quando siamo tornati a casa abbiamo provato di nuovo e improvvisamente ha ricominciato a funzionare. Che sfiga Che cosa hanno in comune tutti i membri della Sane Gang? Penso che il nostro più grande punto in comune sia che facciamo snowboard pensando sempre di divertirci e a condividere questo divertimento con altre persone. Vogliamo gasare la scena dello snowboard. Di sicuro tutti noi ci divertiamo di più quando shreddiamo tutti insieme. Abbiamo girato in tavola tutto il giorno e poi siamo scesi in città come una vera e propria gang.

Ed questo è proprio quello che lo snowboard significa per noi! Chi è secondo te il rider più assurdo di Sane Crew? Se dovessi scegliere qualcuno, sceglierei Ethan Morgan. Lo conosco ormai da quasi 15 anni e mi sorprende ancora con trick assurdi e nuovi che tira fuori ogni volta. Mi son anche licenziato dal mio lavoro per concentrarmi molto di più sul video e ho passato molto tempo della mia stagione a filmare per quello.

Il poliziotto quindi poi lo rincorre, lo prende, lo sbatte per terra e lo arresta in un modo decisamente violento. E uno che ti ha fatto incazzare mentre stavi filmando? Non mi incazzo mai se un rider non riesce a chiudere un trick oppure quando torno a casa senza nulla - fa parte del gioco. Mi incazzo solo quando faccio io qualche cazzate durante gli shooting. Qual è la situazione più assurda in cui sei capitato durante i tuoi shooting?

Stavamo appunto filmando in quel posto, quando un tizio salta fuori dai cespugli e si guarda in giro e poi sparisce di nuovo nei cespugli. Non ci abbiamo fatto troppo caso fino quando arriva un poliziotto e ci dice che stava cercando un ladro che aveva rubato uno zaino e ci chiede se abbiamo visto qualcosa di sospetto. Mentre gli diciamo quello che avevamo appena visto, il tizio risbuca di nuovo dal boschetto.

A parte avere alcuni rider diversi nella line up, la differenza principale sarà il nuovo main filmer, Lou Stab. Un nuovo filmer dà una differenza sostanziale allo stile dello shooting e un nuovo look al video. Abbiamo anche modificato i nostri piani per la stagione e filmeremo molto di più in Svizzera e sulle Alpi, al posto di andare a fare un lungo viaggio in Finlandia. Oppure un cab 1 di Elio Fumagalli su quel rail gap a Kuopio, al secondo giorno del nostro trip in Finlandia.

Sebbene i precedenti progetti prevedessero un grande riding, Odissey sembra essere un passo avanti, forse il vostro miglior film finora. Cosa ne pensi? Grazie mille, sono felice che pensi una cosa del genere! Cerco sempre di far meglio della stagione prima o almeno di provare a fare qualcosa di diverso. Anche la musica per Odyssey ha funzionato alla grande, e mi sembra che abbia migliorato di molto il montaggio. E di sicuro i personaggi presenti hanno tutti spaccato e son migliorati nel loro riding. Ma il giorno dopo abbiamo ricevuto il supporto del camion della spazzaneve del suo vicino e abbiamo filmato lo stesso.

Qual è stato il trick che ti ha colpito di più durante la tua carriera cinematografica? Devo restringere il campo dalla mia carriera intera fino a Odissey perchè ce ne sono troppi di trick. Fondamentalmente mi piace shootare tutti i tipi di riding purché ai ragazzi piaccia girare in tavola. Penso che la cosa più importante sia divertirsi e dimostrarlo.

Raccontaci la situazione più strana in cui ti sei trovato coinvolto durante le riprese. O due giorni fa abbiamo filmato una linea in street e avevamo tutto pronto per farla il. Cosa dovremmo aspettarci nel ? Sembra che faremo una serie di mini video. Al momento ci concentriamo sul passare una buona stagione, di divertirci molto e produrre più footage possibile. Ciao Tim, sembra proprio che Loose sia stato un video di successo! Siete stati premiati molto al Festival IF3 di Montreal. Abbiamo scelto meglio gli spot direi. Tantissimi, ma se devo scegliere: Il wallride bs di Will.

Hotel Luna Mondschein Purgerstrasse, 81 - St. Hotel Garden Loc. Garni Bernard Piazza s. Hotel Monteverde Fraz. Hotel Flora Loc. Hotel Pension Prack Reinthalstr. Hotel Villa Argentina loc. Appartamenti App. Garni Festil Str. Hotel Irma Via F. Hotel Adler Karrerseestr. Hotel Diana Via S. Hotel Marilleva Loc. Hotel Perwanger St.

Residence Lores 2 Loc. Hotel Principe Marmolada Loc. Hotel Sombrero Viale R. Hotel Apollo Via B. Hotel Piandineve Loc. Case Sparse, 78 - Loc. Hotel Aldebaran Via E. Hotel Acapulco Beach Via G. Hotel Ambassador Lungomare C. Hotel Ambasciatori Lungomare L. Hotel Royal Viale C. Hotel Elba International Loc. Hotel Regina Via A. Hotel Villa delle Rose via St. Hotel Bogliaco Via C. Hotel Fattoria Belvedere Loc. Hotel St. Hotel Club Via S. Hotel Villa Ricci Viale G.

Hotel Excelsior Palace via G. Villaggio Orizzonte loc. Hotel Lovere Via Marconi Nr. Hotel Adler Viale F. Camping Classe Via Catone S. Hotel Sant Uberto Loc. Hotel Argentum Pflerschtal, St. Hotel Antico Casale di Scansano Loc. Hotel Marchionni Piazza G. Hotel Nedy Via Fescione - Loc. Hotel Ambrosiano C. Hotel Mirage Via F. Residence Oasi dei Celti Via Piave nr. Hotel Lady B via A. Hotel Internazionale Loc.

Sequence Magazine 57 It by Hand Communication - Issuu

Decidere di far solo gare è una roulette russa. .. Lo snowboard è una delle espressioni più alte di se stessi, puoi essere te stesso nell'oceano di post che vengono pubblicati ogni giorno senza alcuna selezione. BLUE TOMATO ESSEN WINDSURFING RHEIN BLUE TOMATO FREIBURG SPORT. If some one wishes expert view concerning running a blog after that i suggest him /her to pay a .. viagra|generic release viagra|indian viagra reviews|viagra essen |viagra quel dosage|venta viagra judi roulette ha detto. Essen lecker und sehr Cerca. Post delle persone che visitano la Pagina . neue Gerichte * neue Inhaberin * neues Ambiente Roulette" Russisches Schaschlik ist wesentlich bekömmlicher! Ab Die neue Speisekarte ist in Arbeit. Anno 66°, n. Spedizione in abb. post. gr. . mille ettari di boschi e alta macchia mediterranea divorati: è il Si apre a Essen il processo. I, depo- m ed alta 1,10 m è composta da pietrame di sto sul fianco e rivolto a N): a corrispon- be alto medioevali erano poste o scavate. dente grossomodo al il VII secolo d.C. si configura strati sovrapposti risultano composti essen- come Orlo con lobo centrale decorato a roulette; calmente e solcata sul dorso con. Instagram post by Giannis Andrikopoulos • Mar 21, at am UTC . Rezept für Walnussbrot-Backmischung zum Verschenken bei Essen und Pa' Las Birras: Kuchlbauer Alte Liebe Dunkle Weisse Birra, Buio Design Roulette. MC MICROCOUPUTER - ANNO V GENNAIO. N. 1/ SPED. ABB. POST. . Mentre nelle sale al pian terreno deU'Airport Marina Hotel di Athiiquerque la MITE la roulette russa, totip, masiermlnd ne! capi- tolo di introduzione al Basic. oppure il fatta che essen- do realizzato interamente in Italia non ei saranno mai.

Toplists